martes, 1 de mayo de 2018

Ultrà del Bari scatenati. Settore ospiti devastato, feriti quattro steward

Circa 180 ultras hanno seguito la squadra di Grosso al Barbera. Incidenti durante la gara, polizia in azione fino a notte. La polizia ha denunciato tre tifosi baresi.

Non è stata certo una bella serata dal punto di vista della gestione dell’ordine pubblico quella di ieri al “Barbera” per Palermo-Bari. Qualcosa nel controllo dei circa 180 tifosi del Bari non è andato per il verso giusto. Sia perché gli ultrà pugliesi hanno devastato il settore ospiti, staccando alcuni seggiolini
Come se non bastasse una ventina di tifosi baresi ha anche aggredito gli alcuni steward in servizio nella zona del settore ospiti, ma quelli che hanno avuto la peggio sono gli addetti alla sicurezza che si trovavano in curva sud esattamente sotto il settore ospiti. Addosso a loro è piovuto di tutto, uno è stato colpito alla testa da un seggiolino scagliato dal secondo anello ed è rimasto tramortito. In quattro sono dovuti ricorrere alle cure dei medici del pronto soccorso e hanno poi scelto di sporgere denuncia al posto di polizia del “Barbera”. Una decina, in totale, gli steward che sono stati colpiti dagli oggetti scagliati dagli ultrà baresi.
Per tutta la partita è stato un continuo esplodere di bombe carta, evidentemente sfuggite alle perquisizioni da parte delle forze dell’ordine che hanno scortato e accompagnato gli ultrà baresi fin dentro lo stadio. Per evitare contatti fra le tifoserie la zona del pre filtraggio attorno al “Barbera” è rimasta in vigore a lungo anche dopo la partita. Gli ultrà del Bari sono stati fatti uscire dallo stadio solamente dopo la bonifica dell’intera zona attorno allo stadio fatta da agenti della polizia in ronda con i cani. Carabinieri, polizia municipale, agenti della guardia di finanza e della polizia, tutti in assetto antisommossa, hanno vigilato fino al termine delle operazioni concluse ben oltre la mezzanotte. La polizia ha denunciato tre tifosi baresi per i quali scatterà il Daspo.
e vandalizzando i bagni dello spicchio di stadio a loro riservato e lanciando tutto verso gli altri settori. Ma anche perché sin dal loro ingresso sugli spalti hanno lanciato bombe carta per tutti i novanta minuti, alcune delle quali sono esplose anche fra i tifosi palermitani in curva sud inferiore.

palermo.repubblica

0 comentarios :

Publicar un comentario